I poteri del Presidente della Repubblica italiana

Quali sono i poteri del Presidente della Repubblica italiana?

Il Presidente della Repubblica italiana è il Capo dello Stato e rappresenta l’unità nazionale.

Esaminando i poteri che gli sono assegnati si ricava che la sua principale funzione è quella di coordinare i poteri dello Stato esercitati dal Parlamento, Governo e Magistratura. Grazie a questa sua funzione i poteri dello Stato rimangono indipendenti ma non sono separati.

Come garante della Costituzione nei confronti del potere legislativo:

  • fissa la 1ª riunione delle Camere;
  • può convocare in via straordinaria le Camere;
  • ratifica i trattati internazionali;
  • può sciogliere le Camere;
  • può inviare i messaggi;
  • autorizza la presentazione dei disegni di legge governativi;
  • promulga (o rinvia) le leggi;

Come garante della Costituzione nei confronti del potere esecutivo:

  • nomina il Governo;
  • nomina i funzionari di più elevato grado;
  • nomina i sottosegretari di Stato;
  • dichiara lo Stato di guerra, comanda le forze armate, presiede il Consiglio supremo di difesa;
  • conferisce la cittadinanza italiana;
  • conferisce le onorificenze;
  • accredita e riceve i rappresentanti diplomatici;
  • scioglie i Consigli comunali, provinciali e regionali.

Come garante della Costituzione nei confronti del potere giudiziario:

Come garante della Costituzione nei confronti del popolo (e corpo elettorale):

Come rappresentante dell’unità nazionale:

  • nomina 5 senatori a vita;
  • rappresenta lo Stato;
  • può concedere la grazia e commutare le pene.