Predicato, frasi ed esempi

222
predicato

Il predicato esprime un’azione compiuta o subita, una condizione in cui si trova il soggetto, un modo di essere del soggetto.

La classe prepara lo spettacolo di fine anno → un’azione compiuta.

I costumi saranno realizzati da Sofia → un’azione subita.

Lara è entusiasta → un modo di essere del soggetto.

Sofia e Lara si trovano sul palco → una situazione in cui si trova il soggetto.

Può essere verbale o nominale

Il predicato verbale è costituito dalla voce di un verbo di senso compiuto. Può essere di forma attiva, passiva o rifllessiva:

Laura studia. → forma attiva.

Maria è stata lodata. → forma passiva.

Paolo si veste. → forma riflessiva.

Può essere formato da un tempo semplice o un tempo composto:

Paolo studiava → tempo semplice.

Paolo ha viaggiato → tempo composto.

Può essere transitivo o intransitivo:

Paolo mangia.

Paolo dorme.

I verbi servili e quelli fraseologici, uniti a un infinito, formano con questo un unico predicato verbale:

L’idraulico oggi non può venire.

Paolo continua a studiare molto.

 

Il predicato nominale è costituito dall’unione di una voce del verbo essere con un sostantivo o un aggettivo.

La Sicilia è un’isola.

La Sicilia è bellissima.

Nel predicato nominale il verbo essere si chiama copula, il sostantivo o l’aggettivo si chiamano nome del predicato.

Claudio è (copula) uno studente (nome del predicato).

Il verbo essere ha valore di predicato verbale quando significa: stare, vivere, trovarsi, esistere, appartenere.

Lucia è (sta) in casa.

Il libro è (si trova) sul tavolo.

Questo computer è (appartiene a) di mio padre.

Il verbo essere è anche ausiliare di un altro verbo nella formazione dei tempi composti.

La mamma è uscita (passato prossimo del verbo uscire).