Addio ai monti riassunto e commento

3304
addio ai monti

L’Addio ai monti di Lucia è il passo più poetico de I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni. Questo passo è situato nell’ottavo capitolo: su consiglio di padre Cristoforo, Renzo, Lucia e Agnese (madre di Lucia) abbandonano il paese natale per sfuggire alle insidie di don Rodrigo, che impedisce il matrimonio fra i due giovani.

A Lucia il narratore affida l’addio ai propri sogni e la conferma della confidenza in Dio.

Incomincia così, con un triste e commosso addio alla propria terra, la lunga separazione dei due promessi sposi.

Addio ai monti riassunto

Il lago illuminato dalla luna era liscio e tranquillo; si sentiva solo il rumore dei remi e dell’acqua che sbatteva sul ponte.

I tre guardarono i monti: si distinguevano i villaggi, le case, le capanne e, più in alto, il palazzotto di don Rodrigo con la sua torre piatta, che dominava su tutto. Lucia lo vide e rabbrividì; poi riconobbe la sua casetta in lontananza, il fico, la finestra della sua camera e, seduta sul fondo della barca, posò la fronte sul braccio e pianse di nascosto.

Salutò i suoi monti, conosciuti e amati come persone familiari, che non aveva mai pensato di lasciare e che non sapeva quando avrebbe rivisto; salutò la sua casa dove aveva imparato a riconoscere il passo del suo amato tra quello degli altri; salutò la casa di Renzo, che aveva guardato timidamente tante volte e dove aveva sperato di vivere per sempre tranquilla dopo il matrimonio.

Tutto questo non c’era più, per volontà di Dio, che toglie la gioia agli uomini solo per prepararne una più grande.

Questi erano i pensieri di Lucia e degli altri due, mentre la barca si avvicinava alla riva dell’Adda.

Addio ai monti commento

Si tratta di un monologo interiore attraverso il quale Lucia saluta i monti, i fiumi, le case e i luoghi cari. Nonostante il momento sia particolarmente doloroso per Lucia, la sua fede e la sua fiducia nella Divina Provvidenza non sono intaccati.

Alessandro Manzoni, al di là della mentalità semplice della giovane, ne condivide la fede nella presenza di una Grazia che rende forti anche dinanzi alle prove più dure.