caratteristiche dell'acqua

Le caratteristiche dell’acqua: ricerca sull’acqua e le sue proprietà

L’acqua è una molecola composta da un atomo di ossigeno (O) legato a due atomi di idrogeno (H). La sua formula chimica è, pertanto, H2O.

Le caratteristiche dell’acqua

L’acqua è indispensabile per la vita dell’uomo, degli animali, dei vegetali. È presente in grandi quantità in tutti gli organismi. Il corpo umano per esempio è composto per il 65% da acqua. L’acqua ci è indispensabile perché, per esempio, ci aiuta a regolare la temperatura del nostro corpo e a eliminare le sostanze di rifiuto.

È l’unica sostanza sulla Terra presente nei tre stati fisici solido (ghiaccio, neve, brina); liquido (pioggia, rugiada, acqua nei mari, negli oceani, nei fiumi…); e aeriforme (nuvole, nebbia e vapore acqueo). L’acqua passa da uno stato all’altro dando luogo a quello che è chiamato ciclo dell’acqua.

L’acqua come tutti i liquidi occupa uno spazio ben preciso ma non ha una forma propria e si adatta a quella del suo contenitore. L’acqua, inoltre, non è comprimibile.

Oltre a queste caratteristiche dell’acqua, ce ne sono altre. L’acqua è trasparente, incolore, inodore e insapore. Eppure l’acqua del mare è salata e quella che esce dal rubinetto ha anch’essa un suo sapore: quindi?

Questi sapori in effetti non appartengono all’acqua, ma alle sostanze che sono disciolte in essa, formando una soluzione.

Le proprietà dell’acqua e la loro importanza

Ottimo solvente

L’acqua è un ottimo solvente perché in grado di sciogliere molte sostanze, come lo zucchero, il sale e il vino, ma non quelle grasse, come l’olio.

Capillarità

Un’altra interessante proprietà dell’acqua è la sua capacità di risalire dentro tubi sottilissimi, detti capillari, e attraverso fori piccolissimi, o pori, come quelli presenti nella carta o in una zolletta di zucchero. Tale caratteristica si chiama capillarità. Essa rende per esempio possibile alle radici delle piante di assorbire l’acqua.

Tensione superficiale

Le molecole della superficie dell’acqua sono capaci di legarsi più strettamente delle altre, formando una sorta di pellicola: questa proprietà si chiama tensione superficiale. È grazie a questa proprietà o caratteristica dell’acqua che, ad esempio, alcune specie di insetti molto leggeri, riescono a spostarsi sulla superficie dell’acqua senza affondarvi: si appoggiano sulla «pelle» dell’acqua. La tensione superficiale è responsabile anche della formazione delle gocce d’acqua, che sono sferiche.

Elevata capacità termica

L’acqua si scalda e si raffredda lentamente. È per questo che gli esseri viventi, costituiti per la maggior parte da acqua, non subiscono sbalzi di temperatura troppo bruschi; è per lo stesso motivo che le grandi masse d’acqua riducono gli sbalzi termici stagionali, svolgendo un’azione mitigatrice sul clima. È la ragione per cui nelle località marine fa più caldo d’inverno e più fresco d’estate.

Principio dei vasi comunicanti

Posta in recipienti comunicanti, l’acqua tende a raggiungere lo stesso livello, anche se sono ad altezze diverse. Questa proprietà si chiama principio dei vasi comunicanti.

Spinta di Archimede

L’acqua ha la proprietà di spingere verso l’alto un corpo immerso, con una forza uguale al peso del liquido spostato. Questa proprietà è detta spinta di Archimede, dal nome dello scienziato che la scoprì.

Ti potrebbe interessare anche:

Gli stati dell’acqua e passaggi di stato