Come si elegge il Presidente della Repubblica

Come si elegge il Presidente della Repubblica: come avviene l’elezione, quali sono i requisiti per essere eletto, durata della carica, giuramento di fedeltà, cosa succede in caso di assenza o impedimento temporaneo, permanente, morte o dimissioni.

Come si elegge il Presidente della Repubblica italiana?

Il Presidente della Repubblica italiana è eletto dal Parlamento in seduta comune. All’elezione partecipano anche tre delegati per ogni regione (eletti dai rispettivi Consigli regionali in modo che sia assicurata la rappresentanza delle minoranze). La Valle d’Aosta ha un solo delegato.

L’elezione si svolge a scrutinio segreto. Il Presidente della Repubblica viene eletto se  si raggiunge la maggioranza qualificata dei due terzi dei componenti. Solo dopo tre votazioni senza successo l’articolo 83 della Costituzione consente una maggioranza inferiore, cioè la maggioranza assoluta (metà + 1 dei membri che partecipano all’elezione).

Quali sono i requisiti richiesti per essere eletto Presidente della Repubblica italiana?

L’articolo 84 della Costituzione precisa che occorrono:

  • il possesso della cittadinanza italiana;
  • il compimento dei 50 anni di età;
  • il godimento dei diritti civili e politici;
  • l’incompatibilità con altre cariche, per cui il Capo dello Stato non può ricoprire altri incarichi, di natura pubblica o privata, né svolgere attività professionali.

Il Presidente percepisce unindennità per lo svolgimento delle sue funzioni. La sua residenza è al Palazzo del Quirinale, a Roma.

Il Presidente della Repubblica quanto dura in carica?

Il Presidente della Repubblica dura in carica 7 anni e può essere rieletto. Nella storia della Repubblica italiana il primo caso di rielezione del Presidente uscente si è verificato con l’elezione di Giorgio Napolitano il 20 aprile 2013.
Al termine dell’incarico il Presidente uscente diventa senatore a vita.

Il giuramento di fedeltà del Presidente della Repubblica

Prima di assumere l’incarico, il Presidente presta giuramento di fedeltà alla Repubblica e di osservanza alla Costituzione davanti al Parlamento in seduta comune. In questa occasione rivolge alle camere un messaggio, detto introduttivo o di insediamento, con cui espone come intende svolgere il mandato.

Cosa succede in caso di assenza o impedimento temporaneo, permanente, morte o dimissioni del Presidente della Repubblica?

In caso di assenza o impedimento temporaneo, le sue funzioni sono esercitate dal Presidente del Senato.

In caso di impedimento permanente, morte o dimissioni, devono essere indette nuove elezioni da parte del Presidente della Camera dei deputati. Nel frattempo, il Presidente del Senato svolge le funzioni di Capo dello Stato.