Proemio Odissea canto 1 parafrasi

2332
proemio odissea

Proemio Odissea, canto 1, traduzione di Salvatore Quasimodo. Segue la parafrasi e la spiegazione.

Proemio Odissea, canto 1, traduzione di Salvatore Quasimodo

Narrami, o Musa, l’uomo dall’agile mente
che a lungo andò vagando, poi che cadde Troia,
la forte città, e di molte genti vide le terre
e conobbe la natura dell’anima, e molti dolori
patì nel suo cuore lungo le vie del mare,
lottando per tornare in patria coi compagni.
Ma per loro follia (come simili a fanciulli!),
non li poté sottrarre alla morte,
poi che mangiarono i buoi del Sole, figlio del cielo,
che tolse loro il tempo del ritorno.
Questo narrami, o dea, figlia di Zeus,
e comincia di dove tu vuoi.

Proemio Odissea parafrasi

Narrami o Musa (la Musa è Calliope, ispiratrice del canto) di Odisseo (Ulisse per i latini), dalla mente astuta e intelligente (l’uomo dall’agile mente) che a lungo andò vagando, dopo che la forte città di Troia cadde (cioè dopo la distruzione di Troia. Odisseo è considerato il principale artefice della caduta di Troia, perché fu l’ideatore  dell’inganno del cavallo di legno), e che vide le terre di molti popoli, conobbe le carattersitiche dell’animo umano, e che lungo le vie del mare (cioè navigando) soffrì nel suo cuore molti dolori lottando per tornare in salvo nella sua patria (Itaca) insieme con i suoi compagni.
Ma non poté sottrarli alla morte a causa del loro comportamento irresponsabile (simile a quello di un fanciullo), cioè aver mangiato i buoi sacri al dio Sole, figlio del cielo, il quale impedì loro di tornare in patria facendoli morire (l’episodio è narrato nel Libro 12: giunti nella Trinacria, i compagni di Odisseo, nonostante il divieto dell’eroe, si cibarono delle vacche sacre al Sole; così facendo si macchiarono di empietà e furono puniti con la morte).
Narrami di queste vicende, o dea, figlia di Zeus, e comincia pure dal punto che vuoi.

 

Nell’Odissea, come nell’Iliade, la narrazione vera e propria è preceduta da un proemio. Nel proemio il poeta, invocata la Musa della poesia epica, Calliope, enuncia che canterà l’avventuroso viaggio di ritorno di Odisseo da Troia a Itaca.

Odisseo è l’unico tra i Greci a essere scampato alla guerra di Troia e prima di far ritorno alla sua terra (Itaca), per volontà degli dèi, patirà molti travagli.