il viaggio di odisseo
Il viaggio di Odisseo, le tappe: da Troia a Itaca

Il viaggio di Odisseo, le tappe: da Troia a Itaca

L’Odissea narra l’avventuroso e difficile viaggio di ritorno in patria di Odisseo, dopo la distruzione di Troia. La sua patria è Itaca, presso le coste occidentali della Grecia. Dal mar Egeo deve quindi raggiungere il mar Ionio. Non è un viaggio molto lungo, ma fra tante disavventure, Odisseo impiega dieci anni per rivedere la sua terra Itaca, vagando per quasi tutto il bacino del Mediterraneo. Questi i luoghi da lui “visitati” nel suo interminabile peregrinare.

  1. Troia. È la città distrutta dai greci dopo dieci anni di assedio. Si trova presso la costa nord-occidentale dell’Asia Minore (l’attuale Anatolia, che appartiene alla Turchia). Da qui Odisseo parte con 12 navi e 500 uomini.
  2.  Terra dei Ciconi. Si trova sulle coste della Tracia, nella parte più settentrionale dell’Egeo. Qui Odisseo, con le sue dodici navi, approda per fare razzìa e distrugge la città di Ismaro; la reazione degli abitanti lo costringe a riprendere in fretta il mare con oltre 70 uomini in meno.
  3. Terra dei Lotofagi. Una tempesta spinge le navi di Odisseo nella terra dei Lotofagi. Viene collocata da alcuni sulle coste dell’attuale Libia, da altri sull’isola di Djerba (Tunisia). I Lotofagi sono i mangiatori di Loto, un frutto che procura l’oblìo. I compagni di Odisseo mangiano il loto e dimenticano il desiderio di tornare in patria. L’eroe, però, con la forza, li costringe a salire sulle navi.
  4. Terra dei Ciclopi. Secondo alcuni corrisponde alla zona di Posillipo (Napoli); secondo altri si trova in Sicilia, tra le pendici dell’Etna e il mare. I Ciclopi sono giganti con un occhio solo. Nella grotta del brutale Ciclope Polifemo, Odisseo perde 6 uomini.
  5. Isola di Eolo. Si trova nelle Eolie ed è identificabile con l’isola vulcanica di Stromboli. Qui vengono accolti da Eolo, il dio dei venti, che, donando a Odisseo un otre nel quale sono racchiusi i venti contrari alla navigazione, gli offre la possibilità di tornare felicemente in patria. I compagni, però, convinti che l’otre contenga molti tesori, lo aprono scatenando così una terribile tempesta.
  6. Terra dei Lestrigoni. Secondo alcuni si trova nella Corsica sud-orientale, nella zona di Bonifacio; secondo altri si trova invece nella Sardegna nord-orientale, nella zona della Costa Smeralda. Qui i Lestrigoni, giganti cannibali, distruggono tutte le navi, tranne quella di Odisseo.
  7. Terra di Circe. È identificata con il promontorio del Circeo, in provincia di Latina. Qui vive la maga Circe che trasforma i compagni di Odisseo in porci. Il dio Ermes, però, salva l’eroe e i suoi compagni dai sortilegi della maga che, diventata un’ospite generosa, li trattiene presso di sé per un anno.
  8. Averno, il regno dei morti. Su consiglio della maga Circe, Odisseo scende nell’Averno, nel regno dei morti, dove l’indovino Tiresia gli svela il suo futuro ritorno a Itaca. L’ingresso è posto nel Lago Averno (un tempo collegato al mare), in Campania; ma secondo la tradizione Odisseo avrebbe poi viaggiato a lungo verso Occidente fino a superare le “colonne d’Ercole”, l’attuale Stretto di Gibilterra.
  9. Nel Golfo di Salerno, Odisseo e i suoi compagni incontrano le Sirene; grazie ai consigli della maga Circe, Odisseo resiste al loro canto.
  10. Scilla e Cariddi. Sono i due mostri a cui Odisseo riesce a sfuggire pur perdendo alcuni uomini. Per tradizione corrispondono allo Stretto di Messina.
  11. Isola del Sole. Corrisponde alla Sicilia, che nel poema omerico è chiamata anche Trinacria. In quest’isola i compagni di Odisseo, affamati, mangiano le vacche sacre al dio Sole. Zeus scatena allora una tempesta e li fa naufrgare. Si salva solo il nostro eroe che giunge naufrago a Ogigia.
  12. Isola di Ogigia. Viene identificata con l’isola di Malta. Qui vive la ninfa Calipso, che invaghitasi di Odisseo, gli impedisce per sette lunghi anni di riprendere il mare. Al settimo anno, però, per volere degli dèi, Odisseo lascia l’isola a bordo di una zattera.
  13. Isola dei Feaci. Chiamata anche Scheria, corrisponde all’attuale isola di Corfù (Grecia). A causa di una tempesta violentissima scatenata contro dal dio Poseidone, Odisseo naufraga sull’isola dei Feaci dove viene accolto da Nausicaa, figlia del re Alcinoo.
  14. Isola di Itaca. È la patria di Odisseo. Si chiama Itaca anche oggi e appartiene alla Grecia; fa parte dell’arcipelago delle Ionie. Odisseo viene portato qui per via mare da una nave dei Feaci per volere di Alcinoo.

Questo articolo è tratto dall’ebook “Odissea, riassunto, personaggi, luoghi e fatti dell’opera di Omero” in vendita in versione Kindle su Amazon

e in versione epub su Streetlib