Villa romana nella Roma antica struttura

976
Villa romana nella Roma antica

La villa romana così come la domus era la dimora dei ricchi Romani. Sia la domus che la villa erano case molto grandi e raffinate, ma mentre la domus era una casa di città, la villa si trovava in campagna.

C’erano due tipi di ville romane: la villa suburbana e la villa rustica.

Villa suburbana romana

La villa suburbana romana sorgeva non troppo distante dalla città. Era simile alla domus, ma le dimensioni erano maggiori.

Era un luogo di riposo e di svago. Costruita in un luogo scelto per la bellezza della natura, era dotata di ogni comodità: giardini, bagni, piscina, palestra, teatro, biblioteca.

Villa rustica romana

La villa rustica romana si diffuse, invece, nelle grandi proprietà terriere. Qui si svolgevano anche le attività tipiche di una vera e propria azienda agricola dove si produceva una grande quantità di prodotti.

Era composta da più edifici. Comprendeva infatti l’abitazione del proprietario e della sua famiglia; le stalle, i magazzini, le cantine, i locali per la lavorazione e la conservazione dei prodotti; le stanze del frantoio, delle macine e dei torchi.

Negli altri edifici, riuniti intorno a un cortile centrale, vivevano e lavoravano i servi e gli schiavi.

I poveri invece potevano permettersi solo di affittare una o due stanze dell’insula, una palazzina a più piani spesso sovrafollata e fatiscente.

Tra le ville romane che si possono tuttora visitare ci sono: Villa Adriana a Tivoli, la Villa dei Misteri a Pompei, la Domus Aurea di Nerone a Roma, la Villa del Casale di Piazza Armerina.