Il Simposio di Platone riassunto

Riassunto e spiegazione de Il Simposio di Platone.

Il Simposio è un dialogo di Platone del 384 a.C. circa. Il dialogo si svolge nella casa del drammaturgo Agatone, tra Socrate e un gruppo di amici e discepoli, durante un tradizionale simposio.

L’argomento trattato è quello dell’Amore o Eros, che qui Platone, per bocca di Socrate, esalta come forza spirituale e intellettuale che spinge l’uomo alla ricerca del bene e della felicità, cioè della verità.

Lo svolgimento

Ciascuno dei convitati esprime le proprie convinzioni sulla natura e sugli scopi di Eros:

Fedro (lo stesso del dialogo omonimo), esperto di retorica, lo esalta come il più antico degli dei;

Pausania, un aristocratico filospartano, lo loda come fatto morale e lo distingue nettamente dall’amore come istinto animalesco;

il medico Erissimaco individua nell’amore quell’energia profonda della natura che mantiene l’equilibrio degli opposti nell’organismo;

Il commediografo Aristofane esalta paradossalmente l’Amore tra appartenenti allo stesso sesso;

Agatone vede nell’amore la forza ispiratrice delle scienze e delle arti.

Prende per ultimo la parola Socrate. Egli si rifà a certe affermazioni della profetessa Diotima di Mantinea; sostiene che Amore è qualcosa di intermedio tra il mortale e il divino, una sorta di demone figlio di Ingegno e Povertà, che tende perennemente a conquistarsi ciò di cui avverte la mancanza. Amore in questo senso è ansia di possesso e di acquisto e così come c’è l’amore tra i corpi che ha per scopo la procreazione, c’è l’Amore delle anime che cercano il bello come i poeti e gli artisti e lo vogliono far scaturire da ogni spirito nobile ed elevato.

L’Amore diventa in tal modo fonte perenne di rigenerazione e di educazione morale, legame profondo e indistruttibile tra le anime, visione altissima di verità.

Interviene quindi nel dialogo il sopraggiunto Alcibiade. Questi, ebbro di vino, esalta le virtù morali e intellettuali di Socrate del quale si professa amico e ammiratore.

I presenti si addormentano uno dopo l’altro; restano svegli Agatone, Aristofane e Socrate, che attendono l’alba bevendo e discorrendo di poesia.