iliade libro ventitreesimo riassunto
I funerali di Patroclo, 1778, particolare, di Jacques-Louis David, National Gallery of Ireland, Dublino

Iliade Libro Ventitreesimo. Riassunto del Libro Ventitreesimo dell’Iliade. Il compianto per Patroclo e il banchetto funebre. L’ombra di Patroclo compare ad Achille. Il rogo e i giochi funebri in onore di Patroclo.

Mentre tutta Troia piange la morte di Ettore, gli Achei ritornano al campo greco. Nel campo, i Mirmidoni e Achille riprendono il compianto funebre sul corpo di Patroclo. I Mirmidoni, per rendere onore a Patroclo, compiono con i carri da guerra tre giri rituali intorno al suo feretro.

Subito dopo, nella tenda di Agamennone, Achille presenzia al banchetto funebre. Terminato il banchetto funebre, Achille se ne va sulla riva del mare dove si addormenta tra i gemiti. Nel sonno gli appare l’ombra di Patroclo che lo prega di seppellirlo al più presto, perché nell’attesa del funerale egli non può entrare nel regno dei morti e si aggira senza pace davanti alle porte dell’Ade. Chiede poi che le loro ossa, dopo la morte di Achille, siano messe nella stessa urna, l’anfora d’oro che Teti ha donato al figlio. Achille promette e cerca di abbracciare l’amico, ma l’ombra si dilegua.

Fin dall’alba i Greci preparano il grande rogo funebre. Achille si taglia la chioma e la mette tra le mani dell’amico morto. Sul rogo Achille sacrifica molti animali e anche i dodici prigionieri troiani catturati nella battaglia presso il fiume Xanto.

Achille rinnova le sue minacce contro il corpo di Ettore, che giace nella polvere, ma Afrodite e Apollo lo proteggono dai cani e lo mantengono intatto con unguenti divini.

Con l’aiuto degli dèi, la grande pira si accende. Il giorno seguente gli Achei spengono il fuoco e raccolgono le ossa di Patroclo in un’urna d’oro. L’urna d’oro viene depositata nella tenda di Achille, mentre sul luogo del rogo viene eretto un tumulo.

A conclusione dei funerali di Patroclo si svolgono i giochi funebri in suo onore. Achille prepara i doni per premiare i vincitori delle gare indette in onore del defunto.

Segue l’ampia e vivace descrizione dei giochi: un’appassionante corsa di carri, vinta da Diomede, mentre Antiloco giunge secondo; il pugilato; la gara di lotta, in cui Aiace Telamonio e Odisseo vincono a pari merito, uno per la forza, l’altro per l’astuzia; la corsa a piedi, in cui Odisseo batte Aiace di Oileo.

Nel duello, si battono Aiace Telamonio e Diomede, che vince e ottiene l’armatura di Sarpedonte. Seguono poi le gare di lancio del disco e di tiro con l’arco. Ultima prova, la gara di lancio dell’asta, in cui si presentano Agamennone e Merione. Achille dichiara subito vincitore Agamennone, del quale si conosce la superiorità, e gli consegna il premio, mentre dona a Merione la lancia di bronzo.

In tutte la gare, Achille attribuisce con generosità splendidi premi, in onore di Patroclo, e risolve i contrasti che emergono tra i partecipanti.

Il racconto continua con Iliade Libro Ventiquattresimo riassunto