Megaliti: cosa sono e cosa rappresentano

1876
megaliti

I megaliti sono grandi pietre o grandi costruzioni in pietra risalenti all’epoca preistorica, più precisamente al periodo Neolitico. Avevano una funzione sacra e di strumento per misurare il tempo.

I siti megalitici erano comunque luoghi in cui si svolgevano cerimonie collettive, come riti funerari, agrari e per propiziare la fertilità.

Le costruzioni megalitiche della preistoria hanno tutte nomi celtici, perché le prime a essere studiate si trovano nel territorio abitato dagli antichi Celti: la Bretagna francese e la Cornovaglia.

I menhir, i più semplici megaliti

I più semplici megaliti (dal greco mégas=grande e lithos=pietra) sono i menhir (dal bretone, men= pietra e hir=lunga).

I menhir sono alte e grosse pietre conficcate verticalmente nel suolo. Erano segni di riconoscimento posti in aree sacre o in necropoli e molto probabilmente erano destinati al culto religioso.

Sono alti mediamente dai 2-3 metri ai 6 metri, anche se, in alcuni casi, possono raggiungere alezze molto elevate.

I menhir possono essere isolati o presentarsi in allineamenti rettilinei o circolari.

Se ne hanno esempi in Gran Bretagna e in Francia. In Italia, in Puglia e in Sardegna.

Dolmen

Ci sono poi i dolmen (dal bretone, dol=tavola e men=pietra), costituiti da due pietre verticali che sorreggono una terza pietra orizzontale, fino a formare una sorta di portale (sistema trittico, cioè composto da tre pietre).

In origine erano ricoperti da un tumulo di pietre o di terra, ed erano utilizzati come tombe, talvolta con corridoio d’accesso.

Si trovano esempi di dolmen in Spagna, Gran Bretagna, Francia, Europa settentrionale. In Italia ve ne sono alcune decine specialmente in Puglia, ma anche in Sicilia e in Sardegna.

Cromlech

Infine, ci sono i cromlech, costituiti da più dolmen disposti in forma di cerchio o semicerchio. Forse ospitavano riti legati a culti pagani, o servivano a rappresentare il ciclo della Luna, del Sole o delle stagioni. Erano anche luoghi in cui si svolgevano cerimonie collettive come riti funebri, agrari e per la fertilità.

L’esempio più conosciuto è quello di Stonehenge, in Inghilterra. Tracce di cromlech se ne trovano anche ad Avebury e a Brogar in Scozia. Un cromlech risalente al 2500 a.C. è presente anche in Sardegna, presso Laconi.

I menhir, i dolmen e i cromlech possono essere considerati il primo esempio di architettura dell’uomo.