Referendum abrogativo cos’è e come si svolge

614
referendum abrogativo

Il referendum abrogativo è una consultazione popolare che serve a eliminare dall’ordinamento, in maniera totale o parziale, una legge ordinaria, regionale o un atto con forza di legge.

Chi può richiederlo?

La richiesta di referendum deve essere accompagnata da 500.000 firme o dalle delibere di cinque consigli regionali.

La richiesta è sottoposta a un duplice controllo: uno per verificarne la validità (numero e autenticità delle firme ecc.); l’altro per verificarne l’ammissibilità, ossia che il quesito non riguardi materie che non possono essere oggetto di referendum.

Se ammissibile viene indetto con decreto del Presidente della Repubblica e si tiene in una domenica tra il 15 aprile e il 15 giugno.

Chi vi partecipa e come?

Possono partecipare al referendum abrogativo tutti i cittadini maggiorenni muniti di tessera elettorale e di documento di identità ai quali verrà data una scheda referendaria con il testo normativo da abrogare.

Se intendono abrogarlo tracceranno una croce sul Sì, se non vogliono la tracceranno sul No.

Il referendum sarà valido solo se vi parteciperanno il 50%+1 degli elettori.

In caso di vincita dei Sì il testo verrà abrogato; se invece prevarranno i No continuerà a essere applicato.