aquila dalle ali mozze e la volpe - Esopo, versione e morale
L'aquila dalle ali mozze e la volpe - Esopo

L’aquila dalle ali mozze e la volpe, Esopo – versione e morale

Una volta un’aquila fu catturata da un uomo. Questi le mozzò le ali e poi la lasciò andare perché vivesse in mezzo al pollame di casa.

L’aquila stava a capo chino e non mangiava più per il dolore, sembrava un re in catene.

Poi la comprò un altro che le strappò le penne mozze e con un unguento di mirra gliele fece ricrescere. Allora l’aquila prese il volo, afferrò con gli artigli una lepre e gliela portò in dono.

La volpe che la vide la ammonì: «I regali non devi farli a questo, ma piuttosto all’altro padrone di prima. Questo è già buono per natura, l’altro invece è meglio che tu lo rabbonisca perché non ti privi delle ali se ti acchiappa di nuovo».

La favola “L’aquila dalle ali mozze e la volpe” insegna che sta bene ricambiare generosamente i benefattori ma bisogna anche guardarsi prudentemente dai malvagi.

Ti potrebbero anche interessare: