Canale di Suez
Canale di Suez

Il Canale di Suez è un canale artificiale situato in Egitto.

Descrizione

È lungo 161 km e largo da 70 a 125 metri; la sua profondità si aggira sui 14 metri. Le due rive sono collegate da un ponte stradale e, vicino a Ismailia, da un ponte ferroviario mobile.

Ogni anno è percorso da 15 000 navi; il passaggio richiede dalle 11 alle 15 ore.

 

Quali mari mette in comunicazione

Il Canale di Suez collega il Mar Mediterraneo al Mar Rosso; attraversa da nord a Sud in Egitto l’istmo di terra che va da Port Said, sulle sponde mediterranee, al golfo di Suez.

 

Canale di Suez – costruzione e inaugurazione

È l’ingegnere italiano Luigi Negrelli a progettare il canale, a realizzarlo invece una società francese diretta da Ferdinando de Lesseps, ex console francese ad Alessandria, tra il 1859 e il 1869, per permettere il trasporto su acqua dall’Europa all’Asia senza circumnavigare l’Africa.

Per la realizzazione del Canale di Suez sono coinvolti migliaia di egiziani, sottoposti a condizioni igieniche e di lavoro inumane a tal punto che, secondo alcune stime, in pochi anni muoiono circa 120 000 persone.

Il 15 agosto 1869 le acque del Mediterraneo e del Mar Rosso si uniscono per la prima volta e il 17 novembre dello stesso anno il canale è inaugurato alla presenza di molte autorità europee, tra le quali l’imperatrice francese Eugenia, moglie di Napoleone III. Lei, per prima, attraversa l’istmo a bordo dell’imbarcazione Aigle e, all’ombra delle piramidi, si svolge una fastosa rappresentazione dell’Aida di Giuseppe Verdi.