I Toltechi e la Piramide B di Tula, Messico.
La Piramide B di Tula, Messico.

I Toltechi furono una delle grandi civiltà precolombiane, le civiltà che abitarono l’America centrale e meridionale prima dell’arrivo di Cristoforo Colombo nel 1492. Di queste antiche e meravigliose civiltà rimangono solamente poche tracce perché i conquistadores spagnoli distrussero gran parte della loro produzione artistica.
La zona del Centro e Sud America – soprattutto gli attuali Perù, Bolivia e Colombia – era abitata dalle “civiltà monumentali” dei Maya, degli Aztechi e degli Inca. In questi territori nel corso dei secoli si svilupparono anche altre importanti civiltà come quelle degli Olmechi e dei Toltechi in Messico, o le culture Chavin, Chimú e Nazca in Perù.

I Toltechi originariamente erano un popolo nomade-militare. Verso il IX secolo d.C. occuparono la città di Chichén-Itzá, in Messico, costruita dal popolo Maya nella zona centrale dello Yucatán.
I Toltechi lasciarono intatte molte delle costruzioni precedenti, fra queste la grandiosa piramide templare a nove gradoni di Kukulcán.

I Toltechi furono essi  stessi abili costruttori. I loro templi e i loro edifici erano semplici, austeri e monumentali, eseguiti con grande perizia.
Nella capitale Tula, l’edificio più importante è la Piramide B, dedicata al Serpente Piumato (il capo “messicano” che aveva guidato la conquista della città), sulla cui sommità vegliano inesorabili i quattro guerrieri chiamati Atlanti alti quattro metri e mezzo.

Gli Atlanti posti sulla sommità della Piramide B di Tula in Messico.
Gli Atlanti posti sulla sommità della Piramide B di Tula in Messico.

 

Anche dopo essere stati sottomessi dagli Aztechi nel XII secolo, il loro nome restò sinonimo di gusto artistico raffinato e perizia artigianale.