Home Riassunti Storia Dominazione austriaca in Italia riassunto

Dominazione austriaca in Italia riassunto

dominazione austriaca in Italia

La dominazione austriaca in Italia si impose subito dopo il crollo dell’Impero napoleonico.

Nel Congresso di Vienna (1814-1815), l’Impero austriaco fu infatti il primo Stato a voler “rimettere le cose al loro posto” dopo il lungo scontro con Napoleone.

L’Austria impose la sua egemonia su gran parte della penisola, grazie a una fitta rete di parentele con i sovrani italiani.

L’Italia sotto la dominazione austriaca dopo il Congresso di Vienna

Il Lombardo-Veneto, innanzitutto, fu ridotto a provincia austriaca con un viceré residente a Milano. Ma l’Austria dominava anche sul Granducato di Toscana, assegnato a Ferdinando III d’Asburgo-Lorena, fratello dell’imperatore d’Austria.

Il ducato di Modena e Reggio era sotto il casato d’Asburgo-Este; il ducato di Parma e Piacenza fu invece attribuito a Maria Luisa d’Austria, figlia dell’imperatore d’Austria e seconda moglie di Napoleone Bonaparte.

Lo Stato della Chiesa, che comprendeva parte dell’Emilia e l’Italia centrale, ritornò sotto il dominio del papa (Pio VII), ma con il diritto dell’Austria di tenere guarnigioni in alcune città della Romagna e delle Marche.

Il Regno delle Due Sicilie, nato dall’unificazione dei due regni di Napoli e di Sicilia, fu assegnato a Ferdinando I di Borbone, imparentato e legato politicamente all’imperatore d’Austria.

Unico Stato indipendente rimase il Regno di Sardegna con la dinastia dei Savoia. I Savoia ottennero anche di estendere i propri domini (Sardegna, Piemonte, Savoia e Nizza) ai territori dell’ex Repubblica di Genova.

L’Austria, dunque, controllava direttamente i territori più ricchi della penisola italiana e indirettamente, attraverso legami di natura dinastica, altre importanti regioni.