orfeo poeta e cantore tra leggenda e realtà

Orfeo fu un poeta e cantore vissuto prima di Omero e quindi, al pari di questi, nulla si può affermare con sicurezza intorno alla sua origine.

Secondo la leggenda, Orfeo era figlio di Apollo e della musa Clio, e secondo altri, di Eagro e di Clio o di Calliope. Con la sua poesia e con il suo canto sapeva addolcire gli animi più crudeli facendoli struggere fino al pianto.

Orfeo è ricordato, nelle antiche storie, come compagno di Giasone, l’eroe che per la prima volta osò tentare un lungo e pericoloso viaggio per mare fino alle lontane terre del Mar Nero, alla conquista del Vello d’Oro. Il canto di Orfeo sovrastò la pericolosa melodia delle Sirene e salvò in tal modo i compagni che altrimenti sarebbero stati loro preda.

Ciò che rese Orfeo un eroe da ricordare fu la discesa da vivo nel regno dei morti spinto dall’amore per la sua sposa Euridice che era morta. Non potendo più vivere senza di lei, Orfeo vinse le resistenze dei custodi del mondo delle ombre: Caronte, Cerbero, Issione, Tantalo, Sisifo; mosse a pietà tutto il mondo sotterraneo e riuscì a mutare il verdetto inesorabile di Ade e di Persefone. In cambio del permesso di riportare alla vita Euridice, i signori dell’Oltretomba posero una condizione: egli non avrebbe mai dovuto volgersi a osservare il volto amato di Euridice nel corso del viaggio di ritorno dal regno dei morti. Se lo avesse fatto l’avrebbe perduta per sempre.

In un primo momento Orfeo resistette nonostante lei lo chiamasse più volte, ma, quando ebbe la sensazione che Euridice non seguisse più i suoi passi, non poté fare a meno di voltarsi perdendola così per sempre.

Orfeo uscì dal mondo dei morti, ma la sua vita non aveva più significato. Così vagò sul monte Rodope, ormai inconsolabile: quando incontrò le Baccanti, che gli offrivano amore e consolazione, le trattò con sdegno, tanto che esse, per vendetta, in una festa in onore di Dioniso, prese dall’entusiasmo e dall’invasamento dionisiaco, lo uccisero facendolo a pezzi e gettandolo nel fiume Ebro. La testa cadde proprio sulla lira e galleggiando continuò a cantare soavemente. Zeus toccato da questo evento commovente prese la lira e la mise in cielo formando una costellazione.

I resti di Orfeo giunsero nell’isola di Lesbo, l’isola dei poeti, e vi furono custoditi per sempre con grande rispetto e venerazione.

Secondo quanto afferma Virgilio nel sesto libro dell’Eneide, l’anima di Orfeo venne accolta nei Campi Elisi.

Orfeo era ritenuto il fondatore dell’orfismo, un movimento religioso sorto in Grecia attorno al VI secolo a.C. Gli orfici credevano all’immortalità dell’anima e concepivano l’esistenza umana come la condanna dell’anima a vivere su questa terra in un corpo, soffrendo il dolore e l’angoscia della morte. Per purificare l’anima e consentirle di tornare, dopo la morte, alla sua sede divina, gli orfici praticavano una disciplina di rinuncia, rifiutando l’uccisione degli animali e i pasti di carne, i sacrifici e ogni forma di violenza, compresa la guerra.